Creative Commons License Questo è un blog tematico. I contenuti originali presenti qui sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons.

Un semplice diario di viaggio, per crescere. Passi di un cammino che vuole felicità e salvezza.

Argomenti:

sabato 30 luglio 2011

Se l'argomento antropologico dell'anti-teismo...

Esiste una branca dell'ateismo razionalista contemporaneo, recente ma forse non troppo, che sta puntando molto nella "lotta" contro la fede sulla tesi così sintetizzabile: l'uomo crede nonostante l'irrazionalità delle religioni per sua natura, ovvero perché il suo cervello è fatto così, mica perché la fede è vera. A parte il non sequitur, mi pare un argomento davvero pericoloso, dal loro punto di vista, perché il suo ribaltamento, oltre che essere plausibile, intellettualmente a me sembra di gran lunga più stimolante: per quale motivo l'uomo è fatto per credere?

***

4 commenti:

piccolo-uomo ha detto...

Dimenticavo: un corollario di molti a questa tesi è questa: non credere, nonstante la naturale propensione a farlo, costituisce per l'uomo un superamento...

Denise Cecilia ha detto...

... del proprio limite, immagino.
Che ci si ostina a non riconoscere come intrinseco ed ineliminabile.

Denise Cecilia ha detto...

Chiedo venia se ti avviso qui, ma non mi pare di avere la tua mail: ti ho invitato a fare un giochino sui santi, un meme.
Le istruzioni, se ti garba, le trovi qui: http://semedisalute.wordpress.com/2011/10/31/whos-your-hero/

Ciao! :)

gigiu.liana ha detto...

Ciao Andrea, puoi contattarmi? Oppure se hai un account messenger mi scrivi sul mio? GiugiuLiana è il mio nick su FB.

Queste pagine non rappresentano una testata giornalistica, perché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001.